Neuroscienze dello sport

Questa linea di ricerca si occupa dello studio degli effetti dell’applicazione di tecniche cognitive e di neurostimolazione sulla prestazione sportiva e sui parametri fisiologici e percettivi, così come di comprendere come l’esperienza motoria maturata in ambito sportivo possa modulare la percezione delle azioni altrui

 


Studio del ruolo dell’osservazione d’azione, dell’immaginazione motoria, della stimolazione temporale acustica e del placebo nel migliorare la prestazione sportiva in atleti di elite (rugbisti e nuotatori), studenti universitari attivi e studenti delle scuole secondarie di II grado

 

Personale coinvolto:  Bisio A., Bove M., Faelli E., Ruggeri P.

Parole chiave:  osservazione d’azione, immaginazione motoria, stimolazione temporale acustica, placebo, percezione, sport

 


Studio degli effetti che l’esperienza motoria maturata in anni di pratica sportiva ha nel migliorare la abilità di percezione del tempo, dello spazio e del carico coinvolti in un movimento

 

Personale coinvolto:  Bisio A., Bove M., Faelli E., Ruggeri P.

Parole chiave:  compito di riproduzione temporale, compito di discriminazione percettiva, stimolazione magnetica transcranica, percezione

 


Studio degli effetti della neurostimolazione somministrata mediante stimolazione transcranica a corrente diretta sulla prestazione sportiva e cognitiva nel ciclismo, e sui parametri fisiologici e di percezione in atleti di elite

 

Personale coinvolto Faelli E., Ruggeri P.

Parole chiave:  ciclismo, prestazione cognitiva, sforzo percepito, prestazione sportiva

 

Ultimo aggiornamento 11 Luglio 2022